Ott
16
2015

Il velo si fa sottile

Scritto da Administrator Ultimo aggiornamento (17 Ottobre 2015)
PDFStampaE-mail

IL VELO SI FA SOTTILE


 

Se seguite o avete studiato le nozioni di qualche tradizione magica di qualsiasi origine, probabilmente avrete sentito per una moltitudine di volte che nel mese di ottobre, ed in particolare nelle tre notti tra il 31 ottobre ed il 2 di Novembre ( Samhain -Samonios)  il velo tra i mondi è sottile.

Ma che cosa è esattamente questo velo? Perché diviene sottile? E perché è importante?

 

 

Come forse sapete, la dimensione della magia è qualcosa che abbiamo studiato e compreso  attraverso il simbolo, le emozioni e le vibrazioni ... Anche se è importante ricordare che ne non abbiamo mai abbastanza sull’approfondimento e la conoscenza, almeno nel senso più letterale, il divino, il regno del magico è sempre misterioso. Per sua stessa definizione, risiede appena al di fuori dalla nostra coscienza di tutti i giorni da tutto ciò che è lineare e legato alla mente razionale.

Questo non significa che non sia possibile famigliarizzare con tutto ciò che è magico e misterioso e che non si possa, attraverso di essa,  creare un cambiamento positivo per la nostra vita. Siamo assolutamente in grado e se  ben allineati e predisposti, tutto questo funziona favolosamente bene ma allo stesso tempo non dobbiamo utilizzare ciò continuamente ed esagerando, insomma testa tra le stelle ma piedi sempre ben saldi a terra o meglio guardiamo pure oltre il velo della materia ma ritorniamo sempre nel qui ed ora.

Naturalmente per attingere l’essenza  magica al fine di creare un cambiamento positivo, diventa molto facile quando ci prendiamo, o meglio dedichiamo, del tempo in maniera regolare e costante, questo attraverso pratiche come il rituale, la comunione con la natura e la meditazione al fine di attingere dal divino e dal regno magico. Quando facciamo questo, ci ricordiamo che mentre tutto ciò ci appare separato, in realtà siamo interconnessi uno con l'altro e con Tutto Ciò Che È. Conoscendo questo, abbiamo il potere di esercitare il nostro potere al fine di  fare le cose in modo energicamente potente per proteggere noi stessi e manifestare le condizioni che desideriamo. Inoltre, le cose che ci appaiono come "a freddo, dura realtà" nella coscienza di tutti i giorni, la separazione tra vita e morte, visibili e invisibili, conosciuti e sconosciuti, così come la lineare e la natura finita di tempo, ovviamente si rivelano per essere illusioni.

Ora siamo arrivati ​​a ciò che il velo è. E’ il sipario etereo tra l'illusione materiale di tutti i giorni e la verità divina dell'eternità ed è un’unione  con tutto ciò che si manifesta nel momento quando meditiamo, eseguiamo rituali o quando abbiamo un esperienza mistica di qualsiasi varietà. Attraverso questi confini siamo in grado di trovare il nostro luogo di potere, il posto attraverso i mondi.

E nel mese di ottobre, in particolare mentre ci avviciniamo alla fine del mese è il momento della Ruota dell’Anno che il velo si assottiglia maggiormente per noi, in modo che sia più facile da toccare e vedere la realtà di interconnessione, di potenziamento e di eternità.

Perché? Perché le giornate si accorciano e il mondonaturale si prepara a ritirarsi temporaneamente dal regno della vita e della crescita. In altre parole, il ciclo della raccolta sta diminuendo sino a scomparire. Si tratta di un passaggio, una porta tra la stagione della vita e la stagione della morte. Ci viene ricordato che in questo regno, tutto è in uno stato di flusso continuo e questo ci permette di vedere che sotto questo regno di costante cambiamento, c'è un ampio spazio aperto di eternità. Un luogo di quiete in cui sorge l'aspetto del cambiamento, un'apertura attraverso la quale potremmo serenamente sempre ritornare, e con la quale noi diventiamo un tutt'uno, specialmente  in questo momento crepuscolare.

Forse è anche per questo motivo che siamo molto attratti dall’autunno, dalle sue festività e dai suoi simboli, per molti di noi questa stagione infonde un forte stato nostalgico ma non deleterio, piuttosto benefico e questo sentimento è un altro dono della dimensione che troverete oltre il velo.

Quando il velo diverrà sottile? Nel momento in cui l'Unità e l'energia del cielo incontra la vastità e la diversità del eterna Terra. Quando vi troverete nei limiti dei mondi non importa dove siete o chi siete, ma avrete accesso a questo spazio, sempre se si desidera accedervi.

L'unità di rottura alba e tramonto del sole, l'apertura e la chiusura dei capitoli, il simbolo del rinnovamento della vita e della fine della vita, del cerchio completo della vita fisica e della vita spirituale, sono tutti limiti e punti di apertura.

Il modo migliore per vivere questi momenti universali del velo che si assottiglia, è quello di impostare in  voi stessi l'intenzione di collegarsi con lo Spirito e semplicemente essere in presenza dell'unità del sole e la terra. Durante questo periodo, si ha facilmente la possibilità di accedere e di collegarvi con il Sé Superiore, i vostri cari defunti, le vostre guide spirituali, gli spiriti dei luoghi, fate e gli angeli. Semplicemente dovete avere l'intenzione di farlo  e poi lasciatevi trasportare dal vostro intento.

Quando si accede ad un velo?


Ognuno di noi ha momenti personali d’esperienza in cui il velo è più sottile. Questi momenti, possono essere raggiunti attraverso la meditazione e la pratica, come detto precedentemente, ma anche, semplicemente trovando momenti e periodi di tempo in cui il vostro spirito è libero da vincoli fisici. Per quanto mi riguarda, questo momento è il tramonto e la sera, per gli altri potrebbe essere mentre si  vive un sogno sia notturno che diurno  o  semplicemente nel mezzo della notte o quando albeggia.

Dovete sempre prendere in considerazione qual’è per voi il momento di maggior attività spirituale e soprattutto il momento della giornata in cui le proprie menti sono meno distratte dai pensieri  delle vostre richieste terrene.

Quale è il momento della giornata in cui il vostro spirito è più rilassato? È nella vasca da bagno, mentre si dorme o la mattina presto appena svegli? Quando  la vostra mente è più tranquilla? Questo è il momento in cui il vostro velo è più sottile e quello è il momento che il vostro Spirito possa unirsi con voi con maggiore facilità.

Ci sono molti luoghi dove ci sono punti sottili tra la Terra e Spirito, ma il modo più semplice per trovarli  è conoscere questa regola:

Negli spazi dove esiste una riunione dei mondi, li il velo è più sottile.

Un piccolo esempio

Acqua e Aria (nebbia)

Cielo e Terra (picchi , vette delle montagne)

Foresta e Praterie (radure)

Acqua e terra (spiagge, rive)

Inferi e superficie della Terra (fonti termali, vulcani)

Cielo e acqua (cascate)

Luce e buio (crepuscolo)

Giorno e notte (tramonto, alba)

Se state  cercando di connettervi facilmente con il vostro Spirito, provate a trovare la soglia in voi , contemplando il prossimo tramonto e aprendo il vostro cuore. Comprendere il potere della soglia vi aiuterà a comprendere i momenti, come la comprensione dei tempi personali, in cui si è più aperti alla connessione.

Quali sono i vostri veli? Che ora del giorno e luogo sono le vostre soglie?

Ossian