Ott
30
2020

Viaggio nell'Oltretomba

Scritto da Administrator
PDFStampaE-mail

 

 

 

I poeti della tradizione celtica avevano vari nomi per l'Altromondo: Piana del miele  e della beatitudine, Isola delle mele,Isola fortunata, Isola dell’estate e  Isole delle beatitudine. Perché andarci? Forse per indovinare lo scopo della propria vita, per migliorare il lavoro creativo, o per incontrare guide spirituali, antenati, esseri ultraterreni o solo gli spiriti della natura invisibili che dimorano dall'altra parte del velo. Prima di mettersi in viaggio per incontrare questi esseri, dovete essere ben radicati, perché questo è un lavoro pratico, non un semplice incantesimo. Dovreste già avere un forte senso del vostro percorso spirituale e non lasciarvi influenzare indebitamente dagli esseri che incontrate. L'obiettivo è viaggiare e tornare, cambiati ma più saggi ed eticamente senza compromessi. Dove possiamo trovare facilmente gli ingressi per  l'Altromondo?

 

La tradizione ci dice di cercarli negli spazi liminali: tra la terra e l'acqua, allo spuntar del giorno o della notte, o al tramonto, a mezzanotte o all'alba. Le aperture sotterranee - nei recessi di una caverna, o in una collina fatata o in un tumulo del sidhe, in un antico albero cavo o pozzo - sono tutti potenti ingressi a questo mondo. Possiamo trovare l’ingresso anche sotto le onde, su un'isola, in una foresta oscura, dall'altra parte di una cascata o della nebbia, attraverso un'ampia pianura, oltre l'orizzonte, sulla riva di un lago, o sulla cima di una montagna. A volte può anche essere intravisto all'interno di un incendio. Una volta raggiunto l'Altromondo, il visitatore scopre che è al di là dello spazio e del tempo e libero da limitazioni intellettuali. Tra i regni del caos e il fondamento ultimo di ogni essere, divide la ragione per rivelare l'architettura subconscia della mente universale. Il viaggio definitivo dell'Altromondo inizia alla nostra morte e a Samonios/Samhain lasciamo piatti di cibo e offerte di bevande per gli antenati che hanno già fatto il viaggio oltre il velo della materia. Mentre si avvicina il viaggio finale, i Celti chiameranno Manannin Mac Lir, dio dei promontori e figlio del mare, possessore della magica borsa del potere della gru, una borsa magica contenente molti tesori fisici, per cavalcare attraverso le onde e trasportare i defunti attraverso l'oceano che si gonfia sino alle Isole dei Beati. La borsa 8sacca) della gru può anche essere un riferimento all'antico alfabeto Ogham dei Druidi e dei Bardi perché i simboli Ogham potrebbero essere state suggerite dalle gambe delle gru durante il volo. Ci sono molti modi per conoscere i presagi di morte. Potreste vedere il corpo astrale di una persona dopo mezzogiorno, una sorta di doppia persona che si stacca di pochi centimetri d quella fisica, un topo che squittisce forte sotto il letto, un corvo che vola sopra la casa, un gallo che canta a mezzanotte e un forte ronzio nelle orecchie sono possibili segni. Altri presagi di morte includono un cane che latra di notte, che si allontana da una persona malata o che abbaia tre volte; un corvo o una gazza che atterra sul tetto, specialmente se un gufo bubola nelle vicinanze; il suono dell'acqua che gocciola o di strani colpi di notte; un carbone a forma di bara che salta dal fuoco; il ticchettio del tarlo; il canto di una quaglia; o piume che cadono a terra. Se sogni una nave che naviga sulla terraferma, o se le estremità di un arcobaleno cadono entrambe all'interno di una singola borgata, la morte è vicina. Altri segni sono un toro che ruggisce di notte, l'apparizione di un uccello in casa, una particolare cometa o il grido della banshee (una donna fatata) che strilla lungo una via annuncia che a breve si terrà un funerale. Qualcuno con "la vista" potrebbe vedere un sudario funebre avvolto intorno a una persona e  a volte potrebbe vedere una "candela della morte", una luce brillante che illumina una stanza nel cuore della notte, simile a una massa luminosa blu o verde che rotola come spinta da una mano invisibile.

Secondo la tradizione celtica e non solo, i morti vengono a visitare i vivi a Samonios/Samhain, soprattutto al crepuscolo e nel buio della notte. Si dà il benvenuto a questi morti erranti lasciando una porta aperta, mettendo un piatto extra di cibo al tavolo e mettendo un posto in più vicino al focolare o alla tavola. Le candele vengono accese e poste nelle finestre e nelle porte per illuminare la via di casa per gli antenati defunti.

Ma è chiaro che non tutti questi antenati sono felici e che alcuni potrebbero tornare a vendicarsi per gli insulti inflitti loro nella vita precedente. Samonios/Samhain è il momento in cui i fantasmi vendicativi trovano più facile attraversare il velo e anche  la punizione esatta da infliggere. È noto che i fantasmi cercano e seguono coloro con cui hanno del rancore, e se sentite dei passi dietro di voi, può essere mortale voltarsi e guardare per vedere chi c'è. Se dovete stare fuori dalla vostra casa, è saggio travestirsi per non essere riconosciuto dagli spiriti vendicativi, se poi non avete commesso nessun sgarbo o angheria contro un vostro antenato, voltatevi pure ma a vostro rischio e pericolo. Non sono solo i fantasmi da cui dobbiamo essere protetti, perché chi di noi non ha bisogno di protezione dai vivi di tanto in tanto?

Quindi i nostri rituali nella notte del Samonios/ Samhain non sempre servono a proteggerci da energie nefaste generate da forze invisibili ma anche generate da persone fisiche che vivono ancora nella nostra dimensione terrena, per questo chiedete l’aiuto di un vostro antenato cui avete voluto bene, addobbate un altare personale con tutti i suoi ricordi, bruciate dell’incenso di mirra ad est che aiuti la sua essenza a presenziare, poi una candela nera, arancione o bianca a sud perché possa essere faro alla sua strada, una coppa ad ovest con acqua di fonte che sia specchio per i suoi sentimenti e dei grani di sale e legni di sambuco, di tasso e cipresso a nord per la protezione e la promessa di rinascita…uno specchio nero al centro per aprire un portale con gli spiriti.

Sedetevi comodi davanti ad esso senza riflettere la vostra immagine all’interno, rilassatevi e provate a vedere se “loro” vorranno comunicare con voi e portarvi protezione e saggezza.

Felice passaggio!

Ossian Ottobre 2020