Lug
31
2020

Lugnasa, la connessione del principio maschile e femminile

Scritto da Administrator
PDFStampaE-mail

 

Lugnasa ha circa cento nomi diversi, a seconda di dove in Europa viviate e di quale religione celebriate. Ci sono Lughnasadh, Lunasa, Luanistyn, Lammas, Gwl Awst, Reen Sunday, Mountain Sunday, First Harvest, Silberry Sunday e molti, molti altri.

Per molti pagani, è una delle quattro festività sacre: Imbolc, Beltaine e Samhain mentre per la tradizione druidica rappresenta l’ultima delle feste del Fuoco. L'ispirazione per queste feste neo pagane deriva anche dall’Ciclo dell’Ulster della mitologia irlandese, dove si narra la storia del grande eroe irlandese, Cu Chulainn.

La storia narra di come l'eroe Cú Chulainn corteggia Emer. Riceve diversi compiti da svolgere, uno dei quali è che deve restare senza sonno per un anno. Mentre Emer lancia la sua sfida, nomina i quattro punti principali dell'anno irlandese-celtico, come sono menzionati anche in altre fonti irlandesi. In questo modo, non usa le feste solari, né quelle cristiane, che erano certamente ben note e stabilite nel X secolo. Invece Emer sceglie i primi giorni di ogni stagione.

Uno di questi giorni è Lughnasadh, che segna l'inizio dell'autunno. Si svolge il 1 ° agosto, una data concordata a livello internazionale, o il giorno della luna piena prossima a questa data, se si desidera celebrare quando probabilmente facevano gli antichi Celti.

 

 

 

Lughnasadh è la celebrazione del dio Lugh, noto anche come The Green Man e John Barleycorn, nella tradizione anglosassone e tutti spiriti e divinità collegate al raccolto ed alla continuità del mondo vegetale.

Lugnasa è la celebrazione del raccolto, di una lunga estate trascorsa a coltivare colture prima dell'avvento del freddo e rigido inverno.

Lughnasadh segna l'inizio della notevole discesa del Sole nell'oscurità dell'inverno. Dalla connessione tra la Terra (principio femminile) e il Sole (principio maschile), il matrimonio del Padre celeste (Dio Sole) con la Madre Terra che abbiamo celebrato a Beltane, emergono i frutti del primo raccolto dell'anno. Lugnasa è un momento di gioia per i primi frutti ma  è anche un momento di tensione, perché i giorni bui dell'inverno si avvicinano e la maggior parte del raccolto non è ancora stata immagazzinata.

Lo spirito del grano, rappresentato da simboli come il green man o il dio Lug, si sacrifica ogni anno per consentire la vita umana sulla Terra. In alcune zone la sua morte è celebrata in lutto con ghirlande decorate con papaveri o fiordalisi.

Il grano viene tagliato, parte di esso va nel pane e nel nostro nutrimento, un'altra parte viene immagazzinata e usata come semi la prossima primavera, per creare nuova vita. Considerando ciò, anche i pensieri su sacrificio, trasformazione, morte e rinascita fanno parte di questa festività.

Come puoi celebrare Lughnasadh? Bene, se non siete propriamente dei contadini e non vivete in centri dove permane un forte legame con l’agricoltura ed i suoi cicli, potete ugualmente festeggiare l'arrivo dell'autunno e il lento declino che porta all'inverno.

Molti pagani ora lo celebrano il 15 agosto poiché il punto centrale di agosto è un po 'più appropriato per il clima attuale. È anche in linea con l'Ascensione di Maria nella tradizione cattolica romana, segnando fondamentalmente la fine dei grandi lavori, il punto centrale della ferie estive e un modo per riappropriarsi dell’essenza di ciò che il sincretismo religioso e simbolico ha causato in questi ultimi secoli.

Il dio Lugh è consacrato in luoghi alti, come colline o cime di montagne, e corrisponde al mais o altri tipi di grano (che lo rende un dio eccellente per coloro che producono birra).Egli rappresenta  il grande legame con le cose ( i semi) impiantati nel passato. Quindi, mentre gioite e festeggiate con le vostre celebrazioni, è anche un ottimo momento per pensare ai progetti che avete iniziatomi che presto termineranno, o agli aspetti della personalità con cui state lavorando per cambiare e come questo cambiamento stia arrivando. Prendete  del ​​tempo per fare un po 'di auto riflessione e forse anche un po' un diario per scoprire che tipo di raccolto state raccogliendo e quali cose necessarie da eliminare in futuro per migliorare quel raccolto.

Personalmente penso sempre a questa festività come un momento di cene all’aperto e alla riflessione dell’anno.

Cereali e pane debbono presiedere nei vostri menù di Lugnasa, creando una festa intima con il vostro clan, cerchio, congrega o semplici amici, impastando voi stessi il pane e cuocendolo, creando una combinazione di scelte dolci e salate. Grigliare il mais locale nelle bucce gli conferisce un così straordinario sapore aggiunto e il profumo succulento che emana è l'aromaterapia in sé.


Poiché siamo anche vicini al prossimo plenilunio, definita anche come “la Luna del Grano” che anticipa quella del raccolto che invece cade a Settembre vi consiglio di dedicare al grano e a tutti i vegetali il piatto principale del menù della vostra celebrazione e poi dedicare questo inno al plenilunio:

Potere purificante dell'energia della Luna Piena,

Migliora l'energia positiva nella mia vita

E riempi le mie giornate di gioia e risate.

Potere purificante dell'energia della Luna Piena,

Apri la mia casa all energia positiva

E lascia che sia un rifugio sicuro dal mondo.

Potere purificante dell'energia della Luna Piena,

Porta la presenza dello Spirito nella mia vita,

Per guidarmi nel mio viaggio mentre realizzo il mio scopo di vita.

Potere purificante dell'energia della Luna Piena,

Per favore accetta il mio apprezzamento e gratitudine

Per tutto ciò che è buono nella mia vita.

Sia così!

Ossian 31-7-2020