Set
20
2019

Rinnovare la nostra Magia

Scritto da Administrator
PDFStampaE-mail

 

L’Equinozio d’Autunno è ormai alle porte e presto anche il Samonios ci avvolgerà completamente per trasportarci nella parte oscura dell’anno e nel mentre obbligo sistemare la nostra vita e soprattutto le nostre magioni con la giusta energia in preparazione alla nuova stagione.

Nello stesso modo vi sono momenti della nostra vita che prima di un cambiamento per una fase successiva le nostre  prossime mosse non ci sono molto chiare. Lo stress, le preoccupazioni e le energie negative possono facilmente entrare nelle nostre vite in una varietà di modi per una serie di ragioni e talvolta l’unica cosa da fare è essere preparati a guardare attraverso attraverso le nostre acque oscure e profonde o addirittura immergersi più profondamente possibile nella fiducia che prima o poi il viaggio si concluda  con l’imbattersi di tempi più facili e sereni.

 

 

E’ impossibile sottrarsi a queste battaglie ed alla nostra mancanza di chiarezza che fondamentalmente incontriamo di volta in volta nel nostro percorso di vita, tuttavia vi sono rimedi che possono essere svolte per aiutare a reimpostare e riconnettersi con le forze vitali per poter continuare il nostro viaggio di vita.

Le malattie, la depressione, le preoccupazioni economiche, la politica o tutta una serie di altre sfide, c’e’ sempre qualche cosa che possiamo fare, anche solo un piccolo cambiamento può creare delle increspature positive alla nostra energia.

Cosa possiamo fare?

Io amo stare in natura e quindi non posso esimermi nel consigliarvi una tranquilla passeggiata nel mondo più selvaggio di un bosco o lungo il silenzioso sentiero che costeggia una montagna oppure per chi ne ha la possibilità lungo il bagno asciuga in riva al mare, insomma scegliete voi la dimensione che più vi rapisce e vi aggrada.

Cercate di percepire l’energia del terreno in questo periodo dell’equinozio autunnale.

Cercate di avvertire l’energia del compimento e dell’appagamento che vibrano nella terra, sentite la pienezza, la sensazione di realizzazione che scorre attraverso le radici ed i fusti degli alberi.

Esplorate il movimento più lento e delicato  dell’energia che percorre il suolo e le radici delle piante, mentre il ciclo della produzione dei frutti e dei semi giunge al termine.

Cercate di percepire le sensazioni di appagamento , di vita, di piacere e soddisfazione, di apprezzamento e di offerta che pulsano attraverso la terra.

Fatevi cullare dall’energia della terra godendovi le sensazioni di pienezza e di serenità che vi circondano.

Prendete del tempo per rinnovare il vostro spazio sacro, il vostro altare.

Pulitelo, spolveratelo, riorganizzatelo e mettete via alcune cose che non rappresentano più la stagionalità.

Un altare disordinato a volte è segno di un’anima ingombra.

Semplificatelo ed impacchettate gli oggetti sacri per un nuovo ciclo stagionale.

Lavatelo con acqua di fonte e verbena per ripristinare la chiarezza.

Fate un offertagli spiriti del luogo, fate un dolce, raccogliete fiori oppure qualsiasi oggetto che possa andare bene da collocare sul vostro altare o luogo sacro e ringraziate le deità e gli spiriti per il sostegno che vi danno anche se non vi sentite supportati.

Allenate sempre la vostra mente anche a piccoli passi per notare qualcosa per cui provare gratitudine, anche solo prendere un raggio di sole sul viso  può essere un dono dei vostri spiriti alleati e divinità.

Aprite le finestre di casa vostra e permettete che l’aria attraversi la casa e i vostri polmoni, lasciate che il vento autunnale soffi in voi e nella vostra abitazione.

Bruciate alcune erbe sacre, salvia, ginepro qualunque cosa funzioni per il vostro percorso per benedire il corpo e lo spazio sacro.

Praticate la gentilezza e azioni casuali ove possibile. fate beneficenza, raccogliete rifiuti nei parchi, boschi o spiagge. Fate del volontariato per una causa, siate una forza per il bene ogni volta che possiate.

Accendete una candela, ogni giorno, come promemoria, che tornerà alluce nelle vostre vite e che quando si arriva ad essa, creiamo la luce con le nostre azioni.

Prendete una scopa di saggina o di rami di ginestra, se potete costruitela voi stessi, decoratela con  colori e simboli stagionali e beneditela con erbe e incensi sacri, poi spazzate il vostro luogo sacro .

Spazzate via energie bloccate e spiriti sgraditi fuori dalla porta e cacciateli non con odio ma con benedizioni.

Tenete sempre una coppa colma di acqua di fonte ed ogni sera, ogni crepuscolo, in ogni sera autunnale specchiate voi stessi, così da scrutare la luce della vostra anima mentre si prepara ad incontrare la stagione più intimistica dell’anno.

Ossian settembre-2019