Gen
10
2018

Segni e presagi Invernali

Scritto da Administrator Ultimo aggiornamento (10 Gennaio 2018)
PDFStampaE-mail

 

 

Sebbene molti neo pagani della tradizione celtica celebrino il nuovo anno con il Samonios, l’inizio di Gennaio ha ancora un sentimento ben distinto, poiché la confusione e la frenesia che pervade il Solstizio d’Inverno e le celebrazioni natalizie cessano e si resta con una sorta di pagina bianca dell’anno in arrivo, silenziosa e monotona.

 

 

Detto questo i primi giorni di Gennaio sono un buon momento per incoraggiare la calma e la contemplazione di questi nostri giorni e se ne siamo in grado di essere consapevoli nel mantenere le nostre energie preposte ben chiare e consentire alla saggezza di spirito di emergere mantenendo  la nostra attenzione sui progetti futuri.

Tradizionalmente , per coloro che riconoscono i 12 giorni di Natale, come la famosa filastrocca e canto “Twelve Days of Christmas” c’e’ la possibilità di scoprire presagi e guide in ciascuno dei dodici giorni per l’anno a venire, anche se il mondo degli spiriti ci mostrano costantemente segni e presagi, sempre che siamo in grado di sentire il loro potenziale.

Cercare il tempo giusto ogni giorno per trovare un po di tranquillità ed aprici al mondo naturale che ci circonda ci consente di ricevere questi messaggi in qualsiasi momento.

Per tutto il mese di Gennaio cercate di trascorrere un po di tempo, anche per pochi minuti, all’esterno, nella natura più selvaggia, passeggiando, sentendo il vento contro il vostro volto, alzare gli occhi al cielo è essenziale per ciò che avete bisogno.

Respirate profondamente e permettete che i vostri sensi si aprano dolcemente concentrandovi su nulla di particolare tranne che la Terra è viva e sacra, ovunque voi siate potete connettervi.

Siate connessi.

Siate consapevoli del volo degli uccelli, delle forme delle nuvole, del suono che il vento emette, dello sciabordio del mare, sappiate che lo spirito ci parla sempre e lasciate che il suo significato e i messaggi arrivino a voi a modo suo. Ascoltate. Respirare. Presta attenzione ai sogni.

Cerchiamo di liberare la strada dello spirito, lasciando spazio alle sue benedizioni che possano entrare nelle nostre vite e permettere alla profonda saggezza della nostra anima di emergere e per questo prestate molta attenzione alle cerimonie di purificazione in questo periodo dell’anno.

Tutti coloro che hanno un albero di Natale, Alban Arthan o Yule in casa ( non sintetico) possono utilizzare gli aghi di pino per ricavarne degli incensi, oppure fare dei mazzetti di erbe da bruciare in calderoni o camini per eliminare le energie negative stagnanti della propria casa, eventualmente se puri e naturali si possono fare decotti per alleviare raffreddori oppure tosse ed emicranie.

Molti di noi hanno raccolto o hanno ricevuto in casa in questo periodo un sempreverde, in forma bene augurale, per rinsaldare legami ed amicizie o per onorare gli spiriti della natura, per questo lo scopo energetico e spirituale non si esaurisce  nei brevi tempi solstiziali ma perdura in tutto il tempo a venire come il vischio che avrete consacrato ad Alban Arthan come talismano e guardiano protettivo della vostra magione e del vostro animo.

Personalmente mi piace  diffondere un incenso stagionale intorno alla mia casa come cerimonia di purificazione unito anche al canto o ad una poesia bardica, tutto questo al calar del sole.

Salute al Sole

La Luce ritorna

Prosperità su questa dimora

Su tutto ciò che vedo e sento

Salute al Sole che ci benedice

Questa casa e ciò che contiene

Da trave a pietra

Da campo a bosco

Sia la guarigione degli uomini

Salute al Sole che ci benedice

Sia lo spirito di questa casa

Sia la forza di questo focolare

Sia il legame di queste fondamenta

Salute al Sole che ci benedice

Sia così nella gioia.

 

Ossian